La battaglia di Chapultepec e "Niños Héroes"


Battaglia di Chapultepec


Il 13 settembre segna l'anniversario della battaglia di Chapultepec e dei "Niños Héroes" in Messico, che ebbe luogo nel 1847. Tutto iniziò perché gli Stati Uniti dichiararono guerra al Messico con l'ambizione di espandere il proprio territorio, volendo soprattutto conquistare il Texas, l'Alta California e il Nuovo Messico.


Il 12 settembre 1847, alle 5 del mattino circa, gli Stati Uniti iniziarono a bombardare l'ex collegio militare di Chapultepec. Il 13 settembre, gli americani cominciarono ad attaccare di nuovo con grande forza, così il generale Nicolás Bravo ordinò a tutti i cadetti del Colegio Militar di abbandonarlo. Nonostante questo ordine, alcuni giovani decisero di rimanere nella lotta e difendere il castello con la loro vita. Tra coloro che rimasero fino alla fine c'erano i sei Niños Héroes, difendendosi con le poche armi che avevano, anche con i loro stessi corpi.

L'esercito americano ha finito per prendere la vita di questi giovani che hanno difeso il castello con la loro vita e hanno vinto la guerra. A causa dell'enorme coraggio di questi cadetti, sono conosciuti come i "Niños Héroes ".


Il "Niños Héroes"

Vicente Suárez: nato a Puebla e di bassa statura, prese un fucile e difese il castello all'età di 14 anni.


Fernando Montes de Oca: nato a Città del Messico, aveva 18 anni e apparteneva alla Prima Compagnia, quindi era pronto e addestrato a combattere contro qualsiasi tipo di attacco.


Francisco Márquez: Era il più giovane del gruppo, solo 12 anni, nato a Guadalajara. È ricordato per il suo enorme coraggio e ora fa parte dei personaggi illustri di Guadalajara.


Juan de la Barrera: nato a Città del Messico, a 19 anni, era parente di Pedro de la Barrera, uno dei conquistadores spagnoli arrivati con Hernán Cortés.


Agustín Melgar: nato a Chihuahua e conosciuto come il più creativo di tutti perché ha cercato di inventare una pistola durante la lotta.


Juan Escutia: 20 anni al momento della battaglia, fino ad oggi è il più noto di tutte le storie dei ragazzi eroi per la famosa versione che si gettò con la bandiera messicana dalla cima del castello.

30 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti